Modellazione dell’impatto delle precipitazioni di progetto sul sistema di drenaggio urbano mediante Storm Water Management Model

La modellazione delle inondazioni è un modo efficace per gestire la rete delle acque piovane nelle città. Ha lo scopo di comprendere e prevedere il comportamento della rete delle acque piovane in modo che possa testare e valutare soluzioni efficaci a problemi strutturali e operativi. Quindi la modellazione della simulazione rimane una preoccupazione per costruire una modellazione idraulica di successo nelle aree urbane. Questo studio indaga l’impatto delle precipitazioni di progetto sui risultati della modellazione idraulica per la rete delle acque piovane di Azzaba situata nel nord-est dell’Algeria utilizzando il modello di gestione dell’acqua piovana (SWMM). Sono stati confrontati quattro scenari di eventi di pioggia di progetto per periodi di ritorno di 10, 25 e 50 anni, dove abbiamo utilizzato il doppio triangolo e le curve composite per la definizione dell’evento di pioggia di progetto. I risultati mostrano l’impatto della scelta della pioggia di progetto sul comportamento della rete delle acque meteoriche, da cui i risultati della simulazione con il metodo del doppio triangolo per le brevi durate rappresentano un grande rischio sulla probabilità che la rete idrica possa traboccare e allagare città, con una differenza nella scarica di picco stimata al 62,97% e al 58,94% per eventi di 2 ore e 3 ore rispetto alla scarica di picco simulata con il metodo delle precipitazioni composite.

INTRODUZIONE

Le inondazioni urbane possono verificarsi a causa di inondazioni di fiumi o inondazioni costiere o inondazioni improvvise, mentre la causa è una mancanza nella progettazione della rete delle acque piovane. Il problema delle inondazioni urbane negli ultimi anni è un grave pericolo che ha attirato l’attenzione di molti ricercatori negli ultimi anni. La prevenzione delle inondazioni dovute alle forti piogge dovute alla mancanza di un’adeguata rete di acque piovane è diventata una questione critica a causa dello sviluppo delle aree urbane e dei cambiamenti climatici. Le alluvioni sono uno dei disastri naturali che colpiscono le aree urbane ad alta densità di popolazione e causano problemi socioeconomici e infrastrutturali. Vale la pena sapere che tutte le reti di acque piovane sono progettate in base a una serie di criteri soggetti a considerazioni economiche, sociali e ambientali. Le reti di acque piovane sono generalmente progettate per soddisfare criteri di prestazione basati su eventi storici che dovrebbero essere risolti. La progettazione delle reti di acque piovane può essere collegata a criteri tecnici che non possono tenere conto di eventuali eventi piovosi. La probabilità di ottenere eventi di precipitazioni estreme per la progettazione della rete delle acque piovane è ampiamente correlata alle relazioni di intensità e frequenza (IDF), per le quali la relazione tra le precipitazioni di progetto ei risultati della modellazione del flusso idraulico rimane incerta. Secondo MAILHOT e DUCHESNE [2009], l’introduzione di informazioni su proiezioni climatiche di eventi estremi, livello di prestazioni e durata della rete delle acque piovane a Varsavia; © ITP a Falenty, 2019; Journal of Water and Land Development. N. 40 (I – III) rappresenta un processo di revisione dei criteri di progettazione della rete di acque piovane, GULBAZ, KAZEZYILMAZ ALHAN [2012] ha utilizzato eventi di pioggia estrema per rilevare la sensibilità dei parametri del modello di gestione dell’acqua piovana (SWMM). In questo studio SWMM viene utilizzato per il processo di simulazione del deflusso delle precipitazioni e per l’instradamento delle inondazioni nella rete delle acque piovane. Molti ricercatori hanno utilizzato il modello SWMM per simulare le inondazioni urbane. Il modello di instradamento dinamico delle onde in SWMM viene utilizzato per modellare le variazioni di flusso nei tubi, i livelli dell’acqua nei nodi, gli effetti di riflusso e il flusso pressurizzato [ROSSMAN 2015]. ŚCIERANKA [2013] ha utilizzato il modello di onde dinamiche per testare le prestazioni del modello idraulico, dove ROSSMAN [2006] ha confrontato l’instradamento dinamico delle onde in SWMM 5 e SWMM 4 per 20 modelli di fognatura. Pertanto, l’obiettivo di questo studio è esaminare la relazione tra la definizione delle precipitazioni di progetto ei risultati della modellazione idraulica. A tal fine, come caso di studio è stato selezionato il bacino urbano di Azzaba. Gli obiettivi fissati sono i seguenti: (1) tenere conto dell’effetto della durata della caduta di pioggia sui risultati della modellazione idraulica, (2) confrontare le differenze tra i risultati della modellazione del flusso idraulico come velocità di frequenza del flusso, flusso massimo e volume totale per gli eventi con periodi di restituzione di 10, 25 e 50 anni. In questo lavoro, la calibrazione del modello e la verifica del modello rispetto ai dati osservati non sono state eseguite, perché lo studio si basa solo sull’analisi qualitativa dei modelli e non sulla scala quantitativa.   Ulteriori informazioni